EDIT: Oggi domenica 23, non ci sono certezze se Telltale Games abbia intenzione di completare l’ultimo episodio di The Walking Dead.

Per molti, la notizia è giunta come un fulmine a ciel sereno. Dopo un anno particolarmente impegnativo, Telltale Games ha licenziato circa 250 persone, e abbandonato tutti i progetti (compresi titoli tanto attesi come The Walking Dead- The Final Season e The Wolf Among Us 2), eccetto per Minecraft Story Mode, per il quale ha obbligazioni contrattuali.

Inutile dire che i fan di tutto il mondo sono stati colti di sorpresa. Nonostante i segni sarebbero stati lì, Telltale Games non sarebbe poi stato un sogno così perfetto come ci immaginavamo. Ma come potrebbe uno dei più grandi studi indipendenti del mondo andare a gambe all’aria senza preavviso?

Un Minaccioso Cambio di Direzione

Sono bastate solo alcune ricerche per capire la situazione. Già nel 2014, fonti interne ed esterne hanno segnalato alcune crepe nell’apparentemente perfetta facciata. Gli sviluppatori lamentavano orari di lavoro insopportabili, rigide scadenze e i contributori freelance assunti venivano assunti solo per essere licenziati non appena il loro lavoro era concluso.

Telltale Games

Joe Parlock, giornalista per Polygon e Telegraph

Eppure, non è stato fatto nulla a riguardo. Praticamente uno standard per l’industria dei videogiochi, queste circostanze – per quanto gravi possano sembrare – non hanno fatto prendere le accortezze necessarie. Inoltre, la direzione di Telltale Games sembrava non essere d’accordo su come gestire la compagnia.

Alcuni tra i dirigenti erano irremovibili sul tipo di contenuto prodotto dal loro studio, impedendo spesso ai designer di esplorare percorsi diversi o di proporre nuovi approcci. La situazione raggiunse il minimo storico nel 2017, quando il co-fondatore di Telltale Kevin Bruner ha lasciò il consiglio di amministrazione dell’azienda.

Oltre a essere stato estromesso tramite un voto illegale – voci che lo stesso Bruner ha alimentò quando citò in giudizio i suoi ex colleghi – il gruppo ha iniziato il suo primo restyling. A novembre 2017, 90 persone furono licenziate. Ciò accadde con la promessa che lo studio avrebbe rilasciato un numero minore e più curato di titoli attraverso un piccolo team di sviluppatori.

Purtroppo, sappiamo tutti che non sarebbe stato esattamente il caso di andare avanti.

Il Mercato Richiede Innovazione…

… o almeno un livello costante di qualità. Al contrario, Telltale Games ha spinto i propri dipartimenti a corto di personale a creare sempre più titoli. Più episodi della stessa serie sarebbero usciti in rapida successione, spesso solo a distanza di alcuni mesi. Non ci vuole un coordinatore esperto per rendersi conto della pressione che tali metodi metterebbero sugli sviluppatori.

Anche prima del cambio di rotta, l’enfasi sulla quantità aveva influito sulla qualità di ogni uscita. Quelli che una volta erano pezzi altamente curati di narrativa interattiva, diventarono ben presto degli episodi di franchise che praticamente non si distinguevano per altro che non fosse la trama.

Chiaramente, questo non è andato esattamente bene ad alcuni dei giocatori più esigenti tra la fanbase di Telltale. Alcuni tra loro lamentavano la mancanza di interazioni significative, per esempio. Altri semplicemente non potevano sopportare la somiglianza tra i titoli.

In breve, i fan che avevano acquistato ogni numero dagli episodi di, Sam e Max, sentirono improvvisamente il bisogno di aria fresca:

Questi giochi conservano ancora l’eccellente narrazione di Walking Dead e Back to the Future (che nessuno sembra aver suonato), e tutti imitano lo stile e la sensazione dei contenuti su cui si basano perfettamente.

Ma non posso fare a meno di sentire che Telltale ha spostato il pubblico dei loro giochi per attirare un pubblico molto più giovane, o forse per fare appello al pubblico mobile. I “giochi” non sono affatto percepiiti come giochi, ma piuttosto come film di 3 ore con un rapido evento temporale di tanto in tanto.

Utente “Rotweiller” presso Giant Bomb

Abbandonare La Nave!

Di conseguenza, sia il punteggio medio delle recensioni che il numero di copie vendute di ciascun gioco sono notevolmente diminuite. Tuttavia, ancora una volta, i principali team di Telltale si sono dimostrati incapaci di adeguare le loro decisioni di conseguenza. In uno sforzo dell’ultimo minuto, l’azienda ha abbandonato il proprio engine, loro firma da 14 anni per Unity solo quest’anno. Tuttavia, potremmo non essere mai in grado di vedere a cosa questo cambiamento avrebbe portato.

In rosso e a corto di idee, sembra che vi fossero altre opzioni se non a chiudere i battenti. E mentre i licenziamenti sarebbero potuti essere gestiti in modo diverso – forse in un modo che avrebbe impedito a centinaia di giovani professionisti di trovarsi per strada senza preavviso – è ancora possibile che qualcosa di questa società venga recuperata in futuro .

Per tutti i creativi tra noi, la fine di Telltale Games insegna però una lezione preziosa. Indipendentemente dal successo del vosto attuale progetto, non dovreste mai dimenticare di diversificare. Un piano di emergenza può aiutare uno studio a rimanere a galla se dovesse accadere una crisi, e costruire un piano di ripiego dovrebbe sempre essere la principale priorità di ogni azienda!

Articolo originale in Inglese: Alessandro Cossidente Per The Indie Toaster