“All Will Be Judged”

‘La vendetta è un piatto che va servito freddo’ si dice di solito, il che presuppone che l’artefice della vendetta l’attui e la pianifichi con attenzione, in modo volontario.

Vengeance Nevada di B. J. Mendelson, già autore del libro cult Social Media is Bullshit, vuol dire appunto questo, “Vendetta”.

Vengeance Nevada BJ Mendelson

La copertina, una figura femminile rossa su sfondo nera, già fa pensare: cos’è successo? Chi la deve pagare? In una parola vi si trova già la macrosintesi della storia: è successo qualcosa di brutto, qualcuno non riesce a dimenticare e agirà per riparare a un torto. Un’azione che segue un’altra azione. Causa effetto.

Ma iniziando a leggere, il binomio ‘causa-effetto’ non è così semplice come ci si può aspettare.

Se, per attuare la tua vendetta, tu dovessi farti carico della vendetta di qualcun altro, accetteresti? Se fosse chiaro che saresti solo uno strumento, un giocattolo nelle mani di un volere più grande?

“All Will Be Judged”, tutti verranno giudicati. Da chi? Ma passiamo alla storia.

La Trama Di Vengeance Nevada

L’agente Kristen ha una vita normale, con un marito devoto, un figlio che ama e… un lavoro da agente in prima linea che la porta ad avere a che fare con alieni e metamorfi. Nonostante l’equilibrio, tutto sembra andare bene, quando avviene un tradimento nel pieno di un’operazione.

Segreti, identità nascoste e un’entità si palesa a Kristen per assegnarle un compito oscuro, ad un prezzo non indifferente.

Un anno dopo, Kristen cerca rifugio in un appartamento vuoto, mentre gli eredi dell’agenzia decidono di risolvere il mistero del fallimento di quella famosa operazione andata male, rimasto irrisolto fino ad allora.

Disegni e Storia

Vengeance Nevada BJ Mendelson

Il fumetto è un classico in bianco e nero, o almeno per il 90%. Molto interessante l’utilizzo del colore, che evidenzia elementi importanti e, a un certo punto della trama, diventa una chiave di lettura degli eventi. Una chiave fondamentale, quindi fate attenzione, ma non dico di più o rischio spoiler.

Per quanto riguarda il modo in cui segue la storia, i disegni, di Piotr Czaplarski, sono molto dinamici, le scene si susseguono velocemente come nei telefilm. Forse troppo velocemente in alcuni punti, che sembrano quasi… caotici.

Quindi no, sconsigliato per chi cerca un fumetto da leggere in relax. Sì, per gli appassionati di film d’azione, fantascienza e intrighi da spie.